Tre fiabe dal «Cunto de li cunti» (Il racconto dei racconti): I racconti da cui è tratto il film di Matteo Garrone di Giambattista Basile

Tre fiabe dal «Cunto de li cunti» (Il racconto dei racconti): I racconti da cui è tratto il film di Matteo Garrone

Titolo del libri: Tre fiabe dal «Cunto de li cunti» (Il racconto dei racconti): I racconti da cui è tratto il film di Matteo Garrone

Editore: Garzanti Classici

Autore: Giambattista Basile


* You need to enable Javascript in order to proceed through the registration flow.

Giambattista Basile con Tre fiabe dal «Cunto de li cunti» (Il racconto dei racconti): I racconti da cui è tratto il film di Matteo Garrone

TRE FIABE DAL «CUNTO DE LI CUNTI» CHE HANNO ISPIRATO IL NUOVO GRANDE FILM DI MATTEO GARRONE IN CONCORSO AL FESTIVAL DI CANNES 2015 CON SALMA HAYEK, VINCENT CASSEL E TOBY JONES.

Il volume contiene i racconti: La pulce – La cerva fatata – La vecchia scorticata.

Scritto in una lingua teatrale, a Napoli, in piena età barocca, Lo cunto de li cunti (Il racconto dei racconti) ebbe un successo immediato, che ha continuato a crescere nei secoli. La sua raffinata architettura letteraria mescola libretti popolari, commedia dell’arte, teatro basso e classici, e inventa il racconto di fate come gioco.
Nelle cinquanta favole che lo compongono orchi orrendi, draghi, ragazzi sciocchi ma audaci, cavalli parlanti, principesse capricciose, bellissime fate, automi e tantissime altre memorabili figure incantate si muovono tra i paesaggi e i riti del Mediterraneo. Il Cunto ha ispirato i racconti di maestri della fiaba come Perrault e i fratelli Grimm, e ha poi continuato a esercitare il suo fascino irresistibile ed esuberante su trecento anni di letteratura italiana ed europea.

Giambattista Basile (Napoli 1575 – Giugliano, Napoli, 1632), poeta e novelliere, soggiornò a Mantova, alla corte dei Gonzaga. Oltre che del Cunto de li cunti (postumo, 1634-36), è autore delle Muse napoletane (1635), una raccolta di poesie anch’esse in dialetto napoletano.

libri correlati